guide etna

Guidetna.it - Escursioni Etna - guide etna

Le Guide dell'Etna operano sul Vulcano da piu' di 100 anni. Bergfuher, mountain guide
Mount Etna (or Etna; pronunciation: /ˈɛtnə/; Italian: Etna [ˈɛtna] or Mongibello [mondʒiˈbɛllo], Sicilian: Mungibeddu [mʊndʒɪbˈbɛɖɖʊ] or â Muntagna, Latin: Aetna) is an active stratovolcano on the east coast of Sicily, Italy, in the Metropolitan City of Catania, between the cities of Messina and Catania. It lies above the convergent plate margin between the African Plate and the Eurasian Plate. It is the tallest active volcano in Europe,[4] currently 3,329 m (10,922 ft) high, though this varies with summit eruptions. It is the highest peak in Italy south of the Alps. Etna covers an area of 1,190 km2 (459 sq mi) with a basal circumference of 140 km. This makes it by far the largest of the three active volcanoes in Italy, being about two and a half times the height of the next largest, Mount Vesuvius. Only Mount Teide in Tenerife (owned by Spain) surpasses it in the whole of the European–North-African region.[5] In Greek Mythology, the deadly monster Typhon was trapped under this mountain by Zeus, the god of the sky and thunder and king of gods, and the forges of Hephaestus were said to also be located underneath it.[6] Mount Etna is one of the most active volcanoes in the world and is in an almost constant state of activity. The fertile volcanic soils support extensive agriculture, with vineyards and orchards spread across the lower slopes of the mountain and the broad Plain of Catania to the south. Due to its history of recent activity and nearby population, Mount Etna has been designated a Decade Volcano by the United Nations.[7] In June 2013, it was added to the list of UNESCO World Heritage Sites. According to Adrian Room’s book Place-names of the World, the name Etna originated from the Phoenician word attuna meaning "furnace" or "chimney". He dismisses the hypothesis that Etna is from the Greek αἴθω (aithō), meaning "I burn", through an iotacist pronunciation.[9] In Classical Greek, it is called Αἴτνη (Aítnē),[10] a name given also to Catania and the city originally known as Inessa, and in Latin it is called Aetna. In Arabic, it was called جبل النار Jabal al-Nār (the Mountain of Fire).[11] It is also known as Mungibeddu in Sicilian and Mongibello or Montebello in Italian (The Italian word literally meaning Monte mountain and Bello meaning beautiful, but the Sicilian word is actually thought to be from the Latin mons and the Arabic جبل jabal, both meaning mountain, producing a tautological place name, "mountain mountain").[12] The term is not in common use today, although some older people still call it this. According to another hypothesis the term Mongibello comes from the Latin Mulciber (qui ignem mulcet, who placates the fire), one of the Latin names of the Roman god Vulcan. The people of the Etna sometimes use the jargon term 'a muntagna, simply "the mountain" par excellence. Nowadays, the term Mongibello indicates the mountain's top area of the two central craters encompassing also the craters in the southeast and the northeast of the volcanic cone. History of volcanic eruptions[edit] Geological history[edit] Mount Etna from the south with the smoking peak in the upper left and a lateral crater in the centre. Volcanic activity first took place at Etna about 500,000 years ago, with eruptions occurring beneath the sea off the ancient coastline of Sicily.[13] About 300,000 years ago, volcanism began occurring to the southwest of the summit (centre top of volcano) then, before activity moved towards the present centre 170,000 years ago. Eruptions at this time built up the first major volcanic edifice, forming a stratovolcano in alternating explosive and effusive eruptions. The growth of the mountain was occasionally interrupted by major eruptions, leading to the collapse of the summit to form calderas. From about 35,000 to 15,000 years ago, Etna experienced some highly explosive eruptions, generating large pyroclastic flows, which left extensive ignimbrite deposits. Ash from these eruptions has been found as far away as south of Rome's border, 800 km (497 mi) to the north. Thousands of years ago, the eastern flank of the mountain experienced a catastrophic collapse, generating an enormous landslide in an event similar to that seen in the 1980 eruption of Mount St. Helens. The landslide left a large depression in the side of the volcano, known as 'Valle del Bove' (Valley of the Ox). Research published in 2006 suggested this occurred around 8000 years ago, and caused a huge tsunami, which left its mark in several places in the eastern Mediterranean. It may have been the reason the settlement of Atlit Yam (Israel), now below sea level, was suddenly abandoned around that time.[14] The steep walls of the valley have suffered subsequent collapses on numerous occasions. The strata exposed in the valley walls provide an important and easily accessible record of Etna's eruptive history. The most recent collapse event at the summit of Etna is thought to have occurred about 2,000 years ago, forming what is known as the Piano Caldera. This caldera has been almost entirely filled by subsequent lava eruptions, but is still visible as a distinct break in the slope of the mountain near the base of the present-day summit cone. Eruptions[edit] Decade Volcanoes TeideTeide NyiragongoNyiragongo VesuviusVesuvius EtnaEtna SantoriniSantorini UnzenUnzen SakurajimaSakurajima TaalTaal MerapiMerapi UlawunUlawun Mauna LoaMauna Loa ColimaColima Santa MaríaSanta María AvachinskyAvachinsky KoryakskyKoryaksky GalerasGaleras RainierRainier Mount Etna is one of the 16 Decade Volcanoes. Historical eruptions[edit] Eruptions of Etna follow a variety of patterns. Most occur at the summit, where there are currently (as of 2008) five distinct craters — the Northeast Crater, the Voragine, the Bocca Nuova, and the Southeast Crater Complex (2). Other eruptions occur on the flanks, which have more than 300 vents ranging in size from small holes in the ground to large craters hundreds of metres across. Summit eruptions can be highly explosive and spectacular, but rarely threaten the inhabited areas around the volcano. In contrast, flank eruptions can occur down to a few hundred metres altitude, close to or even well within the inhabited areas. Numerous villages and small towns lie around or on cones of past flank eruptions. Since the year AD 1600, at least 60 flank eruptions and countless summit eruptions have occurred; nearly half of these have happened since the start of the 20th century. Since 2000, Etna has had four flank eruptions — in 2001, 2002–2003, 2004–2005, and 2008-2009. Summit eruptions occurred in 2006, 2007–2008, January–April 2012, and again in July–October 2012. The first known record of eruption at Etna is that of Diodorus Siculus.[15] An artist's impression of 1766 eruption In 396 BC, an eruption of Etna reportedly thwarted the Carthaginians in their attempt to advance on Syracuse during the Second Sicilian War. A particularly violent explosive (Plinian) summit eruption occurred in 122 BC, and caused heavy tephra falls to the southeast, including the town of Catania, where many roofs collapsed.[16] To help with reconstruction after the devastating effects of the eruption, the Roman government exempted the population of Catania from paying taxes for ten years. The Roman poet Virgil gave what was probably a first-hand description of an eruption in the Aeneid.[17] During the first 1500 years AD, many eruptions have gone unreported (or records have been lost); among the more significant are: (1) an eruption in about 1030 AD near Monte Ilice on the lower southeast flank, which produced a lava flow that travelled about 10 km, reaching the sea north of Acireale; the villages of Santa Tecla and Stazzo are built on the broad delta built by this lava flow into the sea; (2) an eruption in about 1160 (or 1224), from a fissure at only 350–450 m (1,148–1,476 ft) elevation on the south-southeast flank near the village of Mascalucia, whose lava flow reached the sea just to the north of Catania, in the area now occupied by the portion of the city named Ognina.[citation needed] Etna's most destructive eruption since 122 BC started on 11 March 1669 and produced lava flows that destroyed at least 10 villages on its southern flank before reaching the city walls of the town of Catania five weeks later, on 15 April. The lava was largely diverted by these walls into the sea to the south of the city, filling the harbour of Catania. A small portion of lava eventually broke through a fragile section of the city walls on the western side of Catania and destroyed a few buildings before stopping in the rear of the Benedictine monastery, without reaching the centre of the town. Contrary to widespread reports of up to 15,000 (or even 20,000) human fatalities caused by the lava,[18] contemporaneous accounts written both in Italian and English[19] mention no deaths related to the 1669 eruption (but give very precise figures of the number of buildings destroyed, the area of cultivated land lost, and the economic damage). Therefore it is uncertain where the enormous number of fatalities can be attributed to. One possibility is confusion between this eruption and an earthquake that devastated southeast Sicily (including Catania) 24 years later in 1693. A study on the damage and fatalities caused by eruptions of Etna in historical times reveals that only 77 human deaths are attributable with certainty to eruptions of Etna, most recently in 1987 when two tourists were killed by a sudden explosion near the summit.[20] Recent eruptions[edit] File:Paroxysm at Etna, 16-17 November 2013.webm Footage of Etna's November 2013 eruption. A large lava flow from an eruption in 1928 led to the destruction of a population centre for the first time since the 1669 eruption. The eruption started high on Etna's northeast flank on 2 November. Then new eruptive fissures opened at decreasing elevations down the flank of the volcano. The third and most vigorous of these fissures opened late on 4 November at an unusually low elevation, approximately 1,200 m (3,937 ft) above sea-level, in a zone known as Ripe della Naca. The village of Mascali, lying down-slope of the Ripe della Naca, was almost completely destroyed in two days. Only a church and a few surrounding buildings survived in the north part of the village, called Sant'Antonino or "il quartiere". During the last days of the eruption, the flow interrupted the Messina-Catania railway line and destroyed the train station of Mascali. The event was used by Benito Mussolini's fascist regime for propaganda purposes, with the evacuation, aid, and rebuilding operations being presented as models of fascist planning. Mascali was rebuilt on a new site, and its church contains the Italian fascist symbol of the torch, placed above the statue of Jesus Christ. In early November 2008, the town of Mascali commemorated the 80th anniversary of the eruption and destruction of the village with a number of public events where eyewitnesses shared their memories of the eruption.[citation needed] Etna's 2002 eruption, photographed from the ISS Long exposure image of a "dual-vent" eruption from Mount Etna's NSEC (New South East Crater) Other major 20th-century eruptions occurred in 1949, 1971, 1979, 1981, 1983 and 1991–1993. In 1971, lava buried the Etna Observatory (built in the late 19th century), destroyed the first generation of the Etna cable-car, and seriously threatened several small villages on Etna's east flank. In March 1981, the town of Randazzo on the northwestern flank of Etna narrowly escaped destruction by unusually fast-moving lava flows. That eruption was remarkably similar to one in 1928 that destroyed Mascali. The 1991–1993 eruption saw the town of Zafferana threatened by a lava flow, but successful diversion efforts saved the town with the loss of only one building a few hundred metres from the town's margin. Initially, such efforts consisted of the construction of earth barriers built perpendicularly to the flow direction; it was hoped that the eruption would stop before the artificial basins created behind the barriers would be completely filled. Instead, the eruption continued, and lava surmounted the barriers, heading directly toward Zafferana. Engineers then decided to use explosives near the source of the lava flow, to disrupt a very efficient lava tube system through which the lava travelled for up to 7 km (4 mi) without essentially losing heat and fluidity. The main explosion on 23 May 1992 destroyed the tube and forced the lava into a new artificial channel, far from Zafferana, and it would have taken months to re-establish a long lava tube. Shortly after the blasting, the rate of lava emission dropped, and during the remainder of the eruption (until 30 March 1993) the lava never advanced close to the town again.[21] A lateral crater of the 2002-2003 eruption near the Torre del Filosofo, about 450 m (1,480 ft) below Etna's summit. House destroyed by lava on the slopes of Etna. Following six years (1995–2001) of unusually intense activity at the four summit craters of Etna, the volcano produced its first flank eruption since 1991–1993 in July–August 2001. This eruption, which involved activity from seven distinct eruptive fissures mostly on the south slope of the volcano, was a mass-media eruption, because it occurred at the height of the tourist season and numerous reporters and journalists were already in Italy to cover the G8 summit in Genoa. It also occurred close to one of the tourist areas on the volcano, and thus was easily accessible. Part of the "Etna Sud" tourist area, including the arrival station of the Etna cable car, were damaged by this eruption, which otherwise was a rather modest-sized event by Etna standards. In 2002–2003, a much larger eruption threw up a huge column of ash that could easily be seen from space and fell as far away as Libya, 600 km (370 mi) south across the Mediterranean Sea. Seismic activity in this eruption caused the eastern flanks of the volcano to slip by up to two metres, and many houses on the flanks of the volcano experienced structural damage. The eruption also completely destroyed the tourist station Piano Provenzana, on the northeastern flank of the volcano, and part of the tourist station "Etna Sud" around the Rifugio Sapienza on the south flank. Footage from the eruptions was recorded by Lucasfilm and integrated into the landscape of the planet Mustafar in the 2005 film Star Wars: Episode III – Revenge of the Sith.[22] The Rifugio Sapienza is near the site of a cable car station which had previously been destroyed in the 1983 eruption; it has now been rebuilt. Following a rather silent, slow and non-destructive lava outflow on the upper southeastern flank between September 2004 and March 2005, intense eruptions occurred at the Southeast Crater in July–December 2006. These were followed by four episodes of lava fountaining, again at the Southeast Crater, on 29 March 11 April, 29 April and 7 May 2007. Ash emissions and Strombolian explosions started from a vent on the eastern side of the Southeast Crater in mid-August 2007. On 4 September 2007 a spectacular episode of lava fountaining occurred from the new vent on the east side of the Southeast Crater, also producing a plume of ash and scoriae which fell over the east flank of the volcano. A lava flow travelled about 4.5 km (2.8 mi) into the uninhabited Valle del Bove. This eruption was visible far into the plains of Sicily, ending the following morning between the hours of 5 to 7 a.m. local time. Catania-Fontanarossa Airport shut down operations during the night for safety precautions.[verification needed] An eruption on the morning of 13 May 2008, immediately to the east of Etna's summit craters was accompanied by a swarm of more than 200 earthquakes and significant ground deformation in the summit area. The eruption continued at a slowly diminishing rate for 417 days, until 6 July 2009, making this the longest flank eruption of Etna since the 1991–1993 eruption that lasted 473 days. Previous eruptions, in 2001, 2002–2003, and 2004–2005 had lasted 3 weeks, 3 months, and 6 months, respectively. Lava flows advanced 6.5 km during the first few days of this eruption but thereafter stagnated at much minor distances from the vents; during the last months of the eruption lava rarely advanced more than 1 km downslope. Southern flank of Mount Etna showing lateral cones and flow from eruption of 2001. Through January 2011 to February 2012, the summit craters of Etna were the site of intense activity. Frequent eruptions and ash columns forced the authorities to shut down the Catania airport on several occasions. [23][24][25][26][27][28] The July 2011 episode also endangered the Sapienza Refuge, the main tourist hub on the volcano, but the lava flow was successfully diverted.[29] In 2014, a flank eruption started involving lava flows and strombolian eruptions. This was the first flank eruption since 2008-09 [2] On 3 December 2015, an eruption occurred which climaxed between 03:20 and 04:10 local time. The Voragine crater exhibited a lava fountain which reached 1 km (3,300 ft) in height, with an ash plume which reached 3 km (9,800 ft) in height.[30][31] The activity continued on the following days, with an ash plume that reached 7 km (23,000 ft) in height that forced Catania airport to shut down for a few hours.[32] Volcanic gas emissions from this volcano are measured by a Multi-Component Gas Analyzer System, which detects pre-eruptive degassing of rising magmas, improving prediction of volcanic activity.[33] An eruption on 16 March 2017 injured 10 people, including a BBC News television crew, after magma exploded upon contact with snow.[34][35] Volcanic explosivity index of recent eruptions[edit] The Global Volcanism Program has assigned a volcanic explosivity index (VEI) to all of Mount Etna's eruptions since January 1955.[36]

Les chemins et les grottes

Parmi les attractions les plus fascinantes du mont Etna trouverez de nombreuses grottes de lave (plus de deux cents), dont certains, y compris ceux qui ont une extension horizontale, peuvent être visités (accompaganti par un guide et avec l'équipement approprié comme les casques et les ampoules ).
Cave de ce type se trouve en Europe qu'en Islande et de l'Etna.
Ce type particulier de la grotte est formée par la lave ingrottamento pendant les castings. Ce procédé consiste à refroidissement et la solidification de la partie extérieure de la pièce coulée, comme en contact avec l'atmosphère, tandis que la coulée de lave à l'intérieur de la coulée continue de couler, le maintien de sa propre chaleur, par exemple dans un tunnel jusqu'à ce qu'il soit alimenté . Une fois la coulée commence à éteindre la conduite commence à se vider, laissant la place à une grotte de lave.
La longueur de la grotte est extrêmement variable (de quelques dizaines de mètres à plus d'un kilomètre).
A l'intérieur des grottes, il est possible d'observer des phénomènes tels que les « dents de chien », ou les rouleaux de lave qui sont formées le long des parois, formées en raison des températures élevées de la lave.


Voici quelques-unes des grottes les plus fascinantes et Etna facilement accessible:

la grotte des Framboises,
Cave des trois niveaux,
Cave Cassone,
Grotte de la grotte de neige et de glace, qui contient un petit glacier pérenne.

Piano Provenzana - Etna nord

6 ore

Ufficio Guide - Piano Provenzana

Crateri Sommitali - Etna (3329 m.)

Piano Provenzana - Etna Nord

Excursion on Etna MTB

Discovery Etna on MTB!!

Etna, a volcano-mountain that gives emotions, sometimes even to love, but that we, even in a strange way, continue to love and fear just because they are aware of being only guests. My is nothing but an idea or perhaps my way of interpreting Etna in the simplest way I know. I am neither a vulcanologist nor a botanist, but I have always lived on Etna where, thanks to the stories of elders, shepherds and peasants, I fell in love with this beautiful land, sterile in appearance but in fact full of fertility. My desire is to be able to convey emotions through stories or just visiting a place laden with energy so that I can give my guests a pleasing memory of the eternal journey. For many more info http://www.etnaguidemtb.it/

Piano Provenzana - Etna nord

6 ore

Piano Provenzana - Etna nord

Crateri Sommitali - Etna (3329 m.) o tanti altri itinereari...

Piano Provenzana - Etna Nord

L’Etna ha il singhiozzo di Marco Neri Anche quando l’Etna non erutta in modo eclatante, si fa notare ugualmente. Da alcuni giorni, infatti, il vulcano siciliano produce delle “mini-eruzioni” che durano poche decine di minuti, localizzate sulla sommità del Nuovo Cratere di Sud-Est, a circa 3300 metri di quota (foto in evidenza, in alto). E fin qui non ci sarebbe nulla di strano per un vulcano tanto attivo com’è l’Etna, se non fosse che questi eventi accadono con una regolarità impressionante, circa tre al giorno, e ad intervalli abbastanza costanti di circa otto ore. Un fenomeno che ricorda abbastanza da vicino quello dei geyser, anche se in questo caso ad eruttare in superficie è magma e non acqua. La sequenza è iniziata lo scorso 11 maggio e ha portato il conto totale di queste mini-eruzioni a ventidue, aspettando il prossimo evento, naturalmente. Questi piccoli eventi eruttivi sono accompagnati sempre da un aumento di ampiezza del tremore vulcanico, che corrisponde ad una vibrazione prodotta dalla dinamica dei fluidi vulcanici che circolano all’interno del condotto eruttivo. Quando il magma si approssima alla superficie ed erutta, immancabilmente anche il tremore aumenta. Lo sanno bene gli appassionati che visitano continuamente il sito web dell’INGV nel quale il tremore è evidenziato da una serie di diagrammi colorati (foto in evidenza, in basso). In occasione di queste numerose mini-eruzioni, quindi, il tremore si mostra con una serie di picchi quasi regolari per ampiezza ed intervalli. E’ come sei il vulcano avesse… il singhiozzo! Ma allora, perché avvengono queste mini-eruzioni? Cosa le fa risultare tanto regolari e frequenti? Senza avere la pretesa di comprendere sempre tutto di un vulcano spesso sorprendente qual è l’Etna, qualche risposta possiamo provare a darla. Possiamo considerare il sistema di alimentazione dell’Etna, ed in particolare il condotto eruttivo che alimenta queste eruzioni, come una sorta di pentola a pressione stretta e lunga. Il calore del magma è assimilabile al fuoco acceso sotto la pentola, mentre i gas che si separano dal magma e si accumulano nella parte alta del condotto possiamo paragonarli al vapore acqueo che si forma dentro la pentola quando l’acqua bolle. Infine, la bocca eruttiva da cui emergono le mini-eruzioni che osserviamo in questi giorni possiamo paragonarla alla valvola della nostra pentola a pressione: ogni volta che la pressione dei gas interni al condotto supera un certo valore critico, la “valvola” si apre ed il magma erutta in superficie. E per completare la similitudine, il caratteristico “fischio” della valvola della pentola che si apre lo possiamo paragonare ai boati che le genti dell’Etna percepiscono in occasione di queste mini-eruzioni. La straordinarietà del fenomeno che osserviamo risiede, però, nel fatto che questo processo sembra avere trovato un eccellente equilibrio tra il magma che risale nel condotto e quello che viene espulso attraverso le mini-eruzioni. E adesso, cosa succederà? Come può cessare il singhiozzo dell’Etna? Il fenomeno potrebbe durare ancora a lungo, almeno fino a quando durerà questo equilibrio tra il magma che sale e quello che erutta in superficie. Le cose cambieranno quando il volume di magma disponibile diminuirà, portando al termine di queste mini-eruzioni. Oppure, se il volume di magma che risale dovesse aumentare, le eruzioni potrebbero diventare più abbondanti e lunghe, come accaduto fino a poche settimane fa. Ma anche la geometria della parte terminale del condotto eruttivo, cioè la nostra “valvola” di sfogo del vulcano, ha un suo ruolo importante. Dovesse “rompersi” questa valvola oppure dovesse ostruirsi o cambiare di forma e di ampiezza questa parte del condotto eruttivo, cambierebbe certamente anche il percorso seguito dal magma per arrivare in superficie e l’energia necessaria per produrre un’eruzione. Anche in questo caso, quindi, cambierebbe lo stile eruttivo del vulcano e forse anche la posizione della bocca eruttiva. Marco Neri* *Primo Ricercatore, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – Sezione di Catania, Osservatorio Etneo (Nella foto in evidenza: in alto, attività stromboliana al Nuovo Cratere di Sud-Est ripresa la sera del 14 maggio 2017 (foto di B. Behncke); in basso, ampiezza del tremore vulcanico registrato alla stazione di monitoraggio sismico EMNR dell’INGV_OE Catania).CATANIA - L'ultima eruzione dell'Etna è stata monitorata per la prima volta anche dallo spazio, dalle sentinelle europee del programma Copernicus. E' il risultato della cooperazione tra l'Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia (Ingv) e Agenzia Spaziale Europea (Esa), che grazie agli strumenti a bordo di Sentinel-2A ha seguito l'evoluzione della recente eruzione. Le immagini spaziali dell'Etna segnano l'esordio del progetto Geohazard Exploitation Platform (Gep), attualmente in fase di test operativo su un selezionato numero di vulcani, che permetterà di seguire le attività vulcaniche, grazie sopratutto ai dati distribuiti gratuitamente dalla coppia di satelliti Sentinel 2 (la prima lanciata nel giugno 2015, la seconda a marzo 2017). Proprio l'ultima eruzione dell'Etna, iniziata il 15 marzo, ha permesso di dare il via ai primi test. Le immagini scattate tra 16 e 26 marzo "mostrano la lava emessa dal vulcano e, in particolare, evidenziano in modo chiaro la presenza di colate emesse in tempi successivi e localizzate in due zone diverse", ha detto Malvina Silvestri, dell'Ingv. Dati utili per un monitoraggio costante che quando tra pochi mesi vedrà anche la piena operatività di Sentinel-2B fornirà aggiornamenti dallo spazio con una cadenza di 2 o 3 giorni. La coppia dei satelliti Sentinel 2, scrive l'Ansa, fa parte della costellazione Copernicus, un programma promosso da Esa e Commissione Europea per la salvaguardia del pianeta, che proseguirà negli anni con i lanci di almeno 6 famiglie di sentinelle differenti dedicate allo studio di temi specifici. Intanto a tenere sotto controllo Etna, Vesuvio e Campi Flegrei ci sono anche i dati in arrivo dal satellite americano Landsat-8, che integrati a quelli in arrivo dalle sentinelle europee, forniscono la stima della temperatura superficiale e dell'andamento dei flussi di lava. Intanto, su Facebook, il vulcanologo Marco Neri, illustra l'andamento della colata iniziata poco più di due settimane fa. "Dal suo inizio, l'eruzione continua la sua fase effusiva con tassi eruttivi relativamente bassi ma costanti - scrive. La colata attiva scorre ad ovest dei Monti Barbagallo e poi, più in basso, in adiacenza con il campo lavico del 2002-2003. Il fronte lavico più avanzato è sceso ancora (ieri era a 2330 m sul mare), alimentato da una bocca effimera posta poco più a monte (2480 m). In un articolo scientifico pubblicato nel 2013, abbiamo ipotizzato i possibili percorsi seguiti da colate alimentate da bocche sommitali dell'Etna (Del Negro C., Cappello A., Neri M., Bilotta G., Hérault A., Ganci G. (2013), Lava flow hazards at Etna volcano: constraints imposed by eruptive history and numerical simulations, Scientific Reports - Nature, 3:3493, doi: 10.1038/srep03493.). In una figura di quel lavoro, è riportata proprio la mappa di probabilità di invasione lavica di questo tipo di eruzioni, nella quale si vede bene che il percorso di questa colata lavica sta seguendo quello previsto. Ringraziando le fonti, riportiamo il link della news: Eruzione osservata dallo Spazio
Etna, cinque anni esplosivi FOTOGALLERIA Il fotografo Marco Restivo ha seguito tutte le ultime eruzioni del vulcano attivo più grande d'Europa: ecco una scelta delle sue immagini più spettacolari fotografie di Marco Restivo « PRECEDENTEFoto 1 di 20SUCCESSIVO » Etna, cinque anni esplosivi Vedi anche L'Etna dà spettacoloL'Etna dà spettacoloL'Etna continua a eruttare Già da piccolo, il trentenne catanese Marco Restivo alzava sempre lo sguardo verso la montagna che domina la sua città. “L'occhio mi cadeva sempre lì”, dice. “Era una grande attrazione per me fin da quando ero bambino; la lava, la neve... L'Etna non è una montagna normale, è viva”. Poi, dal 2005, ha cominciato a sfruttare le sue escursioni sull'Etna per fare le sue prime fotografie, con una piccola compatta. Oltre che dalla natura, era particolarmente affascinato dalle eruzioni. Dopo la laurea in ingegneria, Restivo ha fondato un'agenzia multimediale, WEAD, e ha cominciato ad avvicinarsi più seriamente al mondo della fotografia. Dal 2010, racconta, ha cominciato a fotografare e a filmare l'Etna con attrezzature professionali. “Negli anni mi sono avvicinato sempre di più al mondo della fotografia conciliando l’interesse per quest’ultima con la vicinanza del vulcano, per seguire tutte le attività eruttive e non, cercando di raccontare, tramite le mie foto, le sue meraviglie”, dice. Oggi, con i suoi amici e colleghi, Restivo controlla quotidianamente i siti dell'INGV che monitorano l'attività eruttiva, allunga lo sguardo verso il vulcano e, in caso ci siano fenomeni degni di nota, sale in vetta. “Saliamo fino al rifugio Sapienza [a 1.900 metri di quota] poi da lì prendiamo la funivia oppure saliamo a piedi per fare le nostre foto alle bocche eruttive o alle colate laviche. Quasi sempre facciamo tardi e ci tocca tornare giù a piedi con tutta l'atrrezzatura”, dice. “L'attività che ad oggi mi è rimasta più impressa è stata l’eruzione del 2015 del cratere Voragine. All’interno della colonna eruttiva si sono sviluppati diversi fulmini creando un atmosfera surreale”. Proprio in quell'occasione, Restivo realizzò uno scatto memorabile che fece il giro del mondo e fu pubblicato da molte testate intenazionali tra cui National Geographic Italia, Guardian, BBC, CNN, eccetera. Negli ultimi mesi, sfruttando la conoscenza del territorio, insieme ad altri colleghi Restivo sta portando avanti il progetto Myetnamap. L’obiettivo è quello di semplificare l'esperienza sul vulcano a tutti i visitatori del mondo, aiutandoli a districarsi tra i sentieri etnei, i comuni e le attrazioni che offre il vulcano con foto a 360 gradi. In questa immagine: Il primo febbraio 2015 una colata lavica viene emessa da una bocca effusiva posta alla base meridionale del Cratere di Sud-Est, mentre dalla cima del cono vengono prodotte esplosioni stromboliane. Articolo completo su: 5 anni di "Etna"
Articolo completo su:
Bocca effussiva 2900 - Video

 
 
 

ATTIVITA' DELL'ETNA, 16 MARZO 2017

Durante l’eruzione in corso da ieri mattina, alle ore 12:43 (ora locale) di oggi, 16 marzo, si è verificata un’esplosione freato-magmatica in località Belvedere (bordo occidentale della Valle del Bove), a circa 2700 metri di quota sul mare. L’esplosione è avvenuta in corrispondenza del fronte della colata di lava che emerge da una bocca posta alla base del Nuovo Cratere di Sud-Est, a circa 3200 metri di quota sul mare. Attualmente la lava avanza con una temperatura superiore ai 1000 gradi centigradi in una zona ricoperta di neve. La neve, al contatto con la lava, tende a sciogliersi, formando delle pozze d’acqua che possono venire ricoperte dalla lava in avanzamento.

In quel caso, l’acqua sotto la colata lavica tende a vaporizzare e può causare esplosioni freato-magmatiche come quella avvenuta oggi. Nel fenomeno esplosivo è stato coinvolto anche un vulcanologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - Osservatorio Etneo (INGV-OE), Boris Behncke, che ha riportato lievi escoriazioni. Il personale INGV-OE continua a monitorare con costanza l’evoluzione dei fenomeni.

Video delle telecamere di sorveglianza ECV e ENV che mostrano l’esplosione delle ore 12:43 (ora locale) di oggi. L’esplosione è evidenziata da una densa nube di colore bianco, che si espande rapidamente.
L'immagine a fine video è stata estratta dalla telecamera di sorveglianza ENV, il cerchio nero evidenza l’esplosione freato-magmatica avvenuta alle 12:43 (ora locale) di oggi. (link al video)

 

 

vini dalta quotaVenerdì 11 novembre, alle 10.00, saranno presentati presso l’Osservatorio di Pizzi Deneri (Linguaglossa-Catania) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), i risultati del progetto sperimentale “Vini d’alta quota. I VINI CALCAGNO A QUOTA 2800”,  nato dalla collaborazione tra INGV e l’azienda vinicola Calcagno. Il progetto, iniziato il 22 luglio 2015 e terminato il 22 luglio scorso, nasce dall’idea di allestire, presso l’Osservatorio di Pizzi Deneri, all’altitudine di 2813 m, un corner dedicato all’affinamento di un lotto di bottiglie dei vini dell’azienda Calcagno, posizionati in casse di legno, per un periodo di circa 12 mesi. Primo nel suo genere, il progetto si basa sulle teorie di Pasteur (1822-1895), chimico, biologo e microbiologo francese, che sosteneva: “l’aria in alta quota è priva di germi ed è migliore per la conservazione di un prodotto fermentato come il vino”. Secondo lo studioso, infatti, “l’aria più rarefatta, con meno ossigeno, mantiene i vini più giovani”.
Obiettivo della sperimentazione è stato quello di osservare i fattori considerati da Pasteur, insieme all’esclusivo microclima, il profondo silenzio, l’assoluta assenza di luce e la bassa concentrazione di ossigeno, presenti a quota 2.813, che favoriscono il “rallentamento” del processo di maturazione del vino e, quindi, la longevità dello stesso, evolvendosi sia dal punto di vista organolettico, sia della tonalità del colore. Evidenziare, inoltre, il forte legame tra i vini autoctoni e l’unicità del territorio etneo.
A conclusione del primo anno di affinamento, i vini sono stati sottoposti a controllo per poter stabilire l’effettiva salute dei prodotti. La fase finale della sperimentazione, consistente nel recupero delle bottiglie presso la zona dell’Osservatorio, prevede una degustazione analitica da parte di una commissione di esperti del settore (enologi, giornalisti, sommelier).
Durante la giornata di presentazione,  i vini, oggetto della sperimentazione, saranno venduti tramite un’asta di beneficenza e il ricavato sarà devoluto all’INGV, collaboratore del progetto, per la ricerca sul sisma e per l’acquisto di specifici macchinari dedicati al monitoraggio e sorveglianza vulcanica. La scelta della presentazione dei risultati del progetto presso la sede dell’osservatorio, vuole essere un valore aggiunto in termini di sensazioni ed emozioni derivanti dalla sperimentazione.
Interverranno: il direttore dell’Osservatorio Etneo-INGV, Eugenio Privitera,  i proprietari e l’enologo dell'azienda Calcagno, una commissione di degustatori composta da Marco Mangiarotti (Il Giorno), Fabrizio Carrera e Federico Latteri (entrambi di Cronache del Gusto). Sono stati invitati i sindaci di Linguaglossa e Castiglione di Sicilia, la Presidente del Parco dell'Etna.
 
 

Sequenza sismica sull’Etna

 

Una serie di terremoti  sono avvenuti questa mattina ( 22/Nov/2012) nel distretto sismico ETNA. Il primo evento di magnitudo(Ml) 3.9 è avvenuto alle ore 10:10:41 italiane. Questo evento è stato seguito da numerosi altri terremoti  tra i quali un ulteriore altro evento di magnitudo(Ml) 3.9 alle ore 12:25:52 italiane.

Per maggiori informazioni sull’evento delle ore 10:10:41 –  http://cnt.rm.ingv.it/data_id/7225595900/event.html

Per maggiori informazioni sull’evento delle ore 12:25:52 – http://cnt.rm.ingv.it/data_id/7225597250/event.html

Alle ore 13.00 sono oltre 30 gli eventi, tutti localizzati nel settore nord-occidentale dell’Etna.

 

L’Etna ha il singhiozzo di Marco Neri Anche quando l’Etna non erutta in modo eclatante, si fa notare ugualmente. Da alcuni giorni, infatti, il vulcano siciliano produce delle “mini-eruzioni” che durano poche decine di minuti, localizzate sulla sommità del Nuovo Cratere di Sud-Est, a circa 3300 metri di quota (foto in evidenza, in alto). E fin qui non ci sarebbe nulla di strano per un vulcano tanto attivo com’è l’Etna, se non fosse che questi eventi accadono con una regolarità impressionante, circa tre al giorno, e ad intervalli abbastanza costanti di circa otto ore. Un fenomeno che ricorda abbastanza da vicino quello dei geyser, anche se in questo caso ad eruttare in superficie è magma e non acqua. La sequenza è iniziata lo scorso 11 maggio e ha portato il conto totale di queste mini-eruzioni a ventidue, aspettando il prossimo evento, naturalmente. Questi piccoli eventi eruttivi sono accompagnati sempre da un aumento di ampiezza del tremore vulcanico, che corrisponde ad una vibrazione prodotta dalla dinamica dei fluidi vulcanici che circolano all’interno del condotto eruttivo. Quando il magma si approssima alla superficie ed erutta, immancabilmente anche il tremore aumenta. Lo sanno bene gli appassionati che visitano continuamente il sito web dell’INGV nel quale il tremore è evidenziato da una serie di diagrammi colorati (foto in evidenza, in basso). In occasione di queste numerose mini-eruzioni, quindi, il tremore si mostra con una serie di picchi quasi regolari per ampiezza ed intervalli. E’ come sei il vulcano avesse… il singhiozzo! Ma allora, perché avvengono queste mini-eruzioni? Cosa le fa risultare tanto regolari e frequenti? Senza avere la pretesa di comprendere sempre tutto di un vulcano spesso sorprendente qual è l’Etna, qualche risposta possiamo provare a darla. Possiamo considerare il sistema di alimentazione dell’Etna, ed in particolare il condotto eruttivo che alimenta queste eruzioni, come una sorta di pentola a pressione stretta e lunga. Il calore del magma è assimilabile al fuoco acceso sotto la pentola, mentre i gas che si separano dal magma e si accumulano nella parte alta del condotto possiamo paragonarli al vapore acqueo che si forma dentro la pentola quando l’acqua bolle. Infine, la bocca eruttiva da cui emergono le mini-eruzioni che osserviamo in questi giorni possiamo paragonarla alla valvola della nostra pentola a pressione: ogni volta che la pressione dei gas interni al condotto supera un certo valore critico, la “valvola” si apre ed il magma erutta in superficie. E per completare la similitudine, il caratteristico “fischio” della valvola della pentola che si apre lo possiamo paragonare ai boati che le genti dell’Etna percepiscono in occasione di queste mini-eruzioni. La straordinarietà del fenomeno che osserviamo risiede, però, nel fatto che questo processo sembra avere trovato un eccellente equilibrio tra il magma che risale nel condotto e quello che viene espulso attraverso le mini-eruzioni. E adesso, cosa succederà? Come può cessare il singhiozzo dell’Etna? Il fenomeno potrebbe durare ancora a lungo, almeno fino a quando durerà questo equilibrio tra il magma che sale e quello che erutta in superficie. Le cose cambieranno quando il volume di magma disponibile diminuirà, portando al termine di queste mini-eruzioni. Oppure, se il volume di magma che risale dovesse aumentare, le eruzioni potrebbero diventare più abbondanti e lunghe, come accaduto fino a poche settimane fa. Ma anche la geometria della parte terminale del condotto eruttivo, cioè la nostra “valvola” di sfogo del vulcano, ha un suo ruolo importante. Dovesse “rompersi” questa valvola oppure dovesse ostruirsi o cambiare di forma e di ampiezza questa parte del condotto eruttivo, cambierebbe certamente anche il percorso seguito dal magma per arrivare in superficie e l’energia necessaria per produrre un’eruzione. Anche in questo caso, quindi, cambierebbe lo stile eruttivo del vulcano e forse anche la posizione della bocca eruttiva. Marco Neri* *Primo Ricercatore, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – Sezione di Catania, Osservatorio Etneo (Nella foto in evidenza: in alto, attività stromboliana al Nuovo Cratere di Sud-Est ripresa la sera del 14 maggio 2017 (foto di B. Behncke); in basso, ampiezza del tremore vulcanico registrato alla stazione di monitoraggio sismico EMNR dell’INGV_OE Catania).CATANIA - L'ultima eruzione dell'Etna è stata monitorata per la prima volta anche dallo spazio, dalle sentinelle europee del programma Copernicus. E' il risultato della cooperazione tra l'Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia (Ingv) e Agenzia Spaziale Europea (Esa), che grazie agli strumenti a bordo di Sentinel-2A ha seguito l'evoluzione della recente eruzione. Le immagini spaziali dell'Etna segnano l'esordio del progetto Geohazard Exploitation Platform (Gep), attualmente in fase di test operativo su un selezionato numero di vulcani, che permetterà di seguire le attività vulcaniche, grazie sopratutto ai dati distribuiti gratuitamente dalla coppia di satelliti Sentinel 2 (la prima lanciata nel giugno 2015, la seconda a marzo 2017). Proprio l'ultima eruzione dell'Etna, iniziata il 15 marzo, ha permesso di dare il via ai primi test. Le immagini scattate tra 16 e 26 marzo "mostrano la lava emessa dal vulcano e, in particolare, evidenziano in modo chiaro la presenza di colate emesse in tempi successivi e localizzate in due zone diverse", ha detto Malvina Silvestri, dell'Ingv. Dati utili per un monitoraggio costante che quando tra pochi mesi vedrà anche la piena operatività di Sentinel-2B fornirà aggiornamenti dallo spazio con una cadenza di 2 o 3 giorni. La coppia dei satelliti Sentinel 2, scrive l'Ansa, fa parte della costellazione Copernicus, un programma promosso da Esa e Commissione Europea per la salvaguardia del pianeta, che proseguirà negli anni con i lanci di almeno 6 famiglie di sentinelle differenti dedicate allo studio di temi specifici. Intanto a tenere sotto controllo Etna, Vesuvio e Campi Flegrei ci sono anche i dati in arrivo dal satellite americano Landsat-8, che integrati a quelli in arrivo dalle sentinelle europee, forniscono la stima della temperatura superficiale e dell'andamento dei flussi di lava. Intanto, su Facebook, il vulcanologo Marco Neri, illustra l'andamento della colata iniziata poco più di due settimane fa. "Dal suo inizio, l'eruzione continua la sua fase effusiva con tassi eruttivi relativamente bassi ma costanti - scrive. La colata attiva scorre ad ovest dei Monti Barbagallo e poi, più in basso, in adiacenza con il campo lavico del 2002-2003. Il fronte lavico più avanzato è sceso ancora (ieri era a 2330 m sul mare), alimentato da una bocca effimera posta poco più a monte (2480 m). In un articolo scientifico pubblicato nel 2013, abbiamo ipotizzato i possibili percorsi seguiti da colate alimentate da bocche sommitali dell'Etna (Del Negro C., Cappello A., Neri M., Bilotta G., Hérault A., Ganci G. (2013), Lava flow hazards at Etna volcano: constraints imposed by eruptive history and numerical simulations, Scientific Reports - Nature, 3:3493, doi: 10.1038/srep03493.). In una figura di quel lavoro, è riportata proprio la mappa di probabilità di invasione lavica di questo tipo di eruzioni, nella quale si vede bene che il percorso di questa colata lavica sta seguendo quello previsto. Ringraziando le fonti, riportiamo il link della news: Eruzione osservata dallo Spazio
Etna, cinque anni esplosivi FOTOGALLERIA Il fotografo Marco Restivo ha seguito tutte le ultime eruzioni del vulcano attivo più grande d'Europa: ecco una scelta delle sue immagini più spettacolari fotografie di Marco Restivo « PRECEDENTEFoto 1 di 20SUCCESSIVO » Etna, cinque anni esplosivi Vedi anche L'Etna dà spettacoloL'Etna dà spettacoloL'Etna continua a eruttare Già da piccolo, il trentenne catanese Marco Restivo alzava sempre lo sguardo verso la montagna che domina la sua città. “L'occhio mi cadeva sempre lì”, dice. “Era una grande attrazione per me fin da quando ero bambino; la lava, la neve... L'Etna non è una montagna normale, è viva”. Poi, dal 2005, ha cominciato a sfruttare le sue escursioni sull'Etna per fare le sue prime fotografie, con una piccola compatta. Oltre che dalla natura, era particolarmente affascinato dalle eruzioni. Dopo la laurea in ingegneria, Restivo ha fondato un'agenzia multimediale, WEAD, e ha cominciato ad avvicinarsi più seriamente al mondo della fotografia. Dal 2010, racconta, ha cominciato a fotografare e a filmare l'Etna con attrezzature professionali. “Negli anni mi sono avvicinato sempre di più al mondo della fotografia conciliando l’interesse per quest’ultima con la vicinanza del vulcano, per seguire tutte le attività eruttive e non, cercando di raccontare, tramite le mie foto, le sue meraviglie”, dice. Oggi, con i suoi amici e colleghi, Restivo controlla quotidianamente i siti dell'INGV che monitorano l'attività eruttiva, allunga lo sguardo verso il vulcano e, in caso ci siano fenomeni degni di nota, sale in vetta. “Saliamo fino al rifugio Sapienza [a 1.900 metri di quota] poi da lì prendiamo la funivia oppure saliamo a piedi per fare le nostre foto alle bocche eruttive o alle colate laviche. Quasi sempre facciamo tardi e ci tocca tornare giù a piedi con tutta l'atrrezzatura”, dice. “L'attività che ad oggi mi è rimasta più impressa è stata l’eruzione del 2015 del cratere Voragine. All’interno della colonna eruttiva si sono sviluppati diversi fulmini creando un atmosfera surreale”. Proprio in quell'occasione, Restivo realizzò uno scatto memorabile che fece il giro del mondo e fu pubblicato da molte testate intenazionali tra cui National Geographic Italia, Guardian, BBC, CNN, eccetera. Negli ultimi mesi, sfruttando la conoscenza del territorio, insieme ad altri colleghi Restivo sta portando avanti il progetto Myetnamap. L’obiettivo è quello di semplificare l'esperienza sul vulcano a tutti i visitatori del mondo, aiutandoli a districarsi tra i sentieri etnei, i comuni e le attrazioni che offre il vulcano con foto a 360 gradi. In questa immagine: Il primo febbraio 2015 una colata lavica viene emessa da una bocca effusiva posta alla base meridionale del Cratere di Sud-Est, mentre dalla cima del cono vengono prodotte esplosioni stromboliane. Articolo completo su: 5 anni di "Etna"
Articolo completo su:
Bocca effussiva 2900 - Video

 
 
 

ATTIVITA' DELL'ETNA, 16 MARZO 2017

Durante l’eruzione in corso da ieri mattina, alle ore 12:43 (ora locale) di oggi, 16 marzo, si è verificata un’esplosione freato-magmatica in località Belvedere (bordo occidentale della Valle del Bove), a circa 2700 metri di quota sul mare. L’esplosione è avvenuta in corrispondenza del fronte della colata di lava che emerge da una bocca posta alla base del Nuovo Cratere di Sud-Est, a circa 3200 metri di quota sul mare. Attualmente la lava avanza con una temperatura superiore ai 1000 gradi centigradi in una zona ricoperta di neve. La neve, al contatto con la lava, tende a sciogliersi, formando delle pozze d’acqua che possono venire ricoperte dalla lava in avanzamento.

In quel caso, l’acqua sotto la colata lavica tende a vaporizzare e può causare esplosioni freato-magmatiche come quella avvenuta oggi. Nel fenomeno esplosivo è stato coinvolto anche un vulcanologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - Osservatorio Etneo (INGV-OE), Boris Behncke, che ha riportato lievi escoriazioni. Il personale INGV-OE continua a monitorare con costanza l’evoluzione dei fenomeni.

Video delle telecamere di sorveglianza ECV e ENV che mostrano l’esplosione delle ore 12:43 (ora locale) di oggi. L’esplosione è evidenziata da una densa nube di colore bianco, che si espande rapidamente.
L'immagine a fine video è stata estratta dalla telecamera di sorveglianza ENV, il cerchio nero evidenza l’esplosione freato-magmatica avvenuta alle 12:43 (ora locale) di oggi. (link al video)

 

 

vini dalta quotaVenerdì 11 novembre, alle 10.00, saranno presentati presso l’Osservatorio di Pizzi Deneri (Linguaglossa-Catania) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), i risultati del progetto sperimentale “Vini d’alta quota. I VINI CALCAGNO A QUOTA 2800”,  nato dalla collaborazione tra INGV e l’azienda vinicola Calcagno. Il progetto, iniziato il 22 luglio 2015 e terminato il 22 luglio scorso, nasce dall’idea di allestire, presso l’Osservatorio di Pizzi Deneri, all’altitudine di 2813 m, un corner dedicato all’affinamento di un lotto di bottiglie dei vini dell’azienda Calcagno, posizionati in casse di legno, per un periodo di circa 12 mesi. Primo nel suo genere, il progetto si basa sulle teorie di Pasteur (1822-1895), chimico, biologo e microbiologo francese, che sosteneva: “l’aria in alta quota è priva di germi ed è migliore per la conservazione di un prodotto fermentato come il vino”. Secondo lo studioso, infatti, “l’aria più rarefatta, con meno ossigeno, mantiene i vini più giovani”.
Obiettivo della sperimentazione è stato quello di osservare i fattori considerati da Pasteur, insieme all’esclusivo microclima, il profondo silenzio, l’assoluta assenza di luce e la bassa concentrazione di ossigeno, presenti a quota 2.813, che favoriscono il “rallentamento” del processo di maturazione del vino e, quindi, la longevità dello stesso, evolvendosi sia dal punto di vista organolettico, sia della tonalità del colore. Evidenziare, inoltre, il forte legame tra i vini autoctoni e l’unicità del territorio etneo.
A conclusione del primo anno di affinamento, i vini sono stati sottoposti a controllo per poter stabilire l’effettiva salute dei prodotti. La fase finale della sperimentazione, consistente nel recupero delle bottiglie presso la zona dell’Osservatorio, prevede una degustazione analitica da parte di una commissione di esperti del settore (enologi, giornalisti, sommelier).
Durante la giornata di presentazione,  i vini, oggetto della sperimentazione, saranno venduti tramite un’asta di beneficenza e il ricavato sarà devoluto all’INGV, collaboratore del progetto, per la ricerca sul sisma e per l’acquisto di specifici macchinari dedicati al monitoraggio e sorveglianza vulcanica. La scelta della presentazione dei risultati del progetto presso la sede dell’osservatorio, vuole essere un valore aggiunto in termini di sensazioni ed emozioni derivanti dalla sperimentazione.
Interverranno: il direttore dell’Osservatorio Etneo-INGV, Eugenio Privitera,  i proprietari e l’enologo dell'azienda Calcagno, una commissione di degustatori composta da Marco Mangiarotti (Il Giorno), Fabrizio Carrera e Federico Latteri (entrambi di Cronache del Gusto). Sono stati invitati i sindaci di Linguaglossa e Castiglione di Sicilia, la Presidente del Parco dell'Etna.
 
 

Sequenza sismica sull’Etna

 

Una serie di terremoti  sono avvenuti questa mattina ( 22/Nov/2012) nel distretto sismico ETNA. Il primo evento di magnitudo(Ml) 3.9 è avvenuto alle ore 10:10:41 italiane. Questo evento è stato seguito da numerosi altri terremoti  tra i quali un ulteriore altro evento di magnitudo(Ml) 3.9 alle ore 12:25:52 italiane.

Per maggiori informazioni sull’evento delle ore 10:10:41 –  http://cnt.rm.ingv.it/data_id/7225595900/event.html

Per maggiori informazioni sull’evento delle ore 12:25:52 – http://cnt.rm.ingv.it/data_id/7225597250/event.html

Alle ore 13.00 sono oltre 30 gli eventi, tutti localizzati nel settore nord-occidentale dell’Etna.

 

Grotte e sentieri natura

Tra le attrazioni più affascinanti del vulcano Etna ritroviamo le numerose grotte di scorrimento lavico (oltre duecento), di cui alcune, tra quelle che hanno una estensione orizontale, possono essere visitate (accompaganti da una guida e con l'attrezzatura adeguata quali caschetti e lampadine).
Grotte di questo tipo possono essere trovate in Europa solo sull'Etna ed in Islanda.
Questo particolare tipo di grotta si forma mediante l'ingrottamento della lava durante le colate. Questo processo consiste nel raffreddamento e solidificazione della parte esterna della colata, in quanto a contatto con l’atmosfera, mentre il flusso lavico all’interno della colata continua a scorrere, mantenendo il proprio calore, come in una galleria, sino a quando viene alimentato. Una volta che la colata incomincia ad estinguersi la condotta inizia a svuotarsi, lasciando il posto ad una grotta di scorrimento lavico.
La lunghezza delle grotte è estremamente variabile (da poche decine di metri fino ad oltre un km).
All'interno delle grotte è possibile osservare fenomeni quali i "denti di cane", o i rotoli di lava che si formano lungo le pareti, formatisi a causa delle elevate temperature della lava.


Di seguito sono elencate alcune delle grotte più affascinanti e facilmente accessibili dell'Etna:

la Grotta dei Lamponi,
La Grotta dei Tre livelli,
la Grotta Cassone,
la Grotta della Neve e la Grotta del Gelo, che contiene un piccolo ghiacciaio perenne.

Piano Provenzana - Etna nord

6 ore

Ufficio Guide - Piano Provenzana

Crateri Sommitali - Etna (3329 m.)

Piano Provenzana - Etna Nord

Stromboli

"Iddu"


Lo Stromboli è uno dei vulcani piu' attivi al mondo!! Un vero spettacolo della natura.
Sentire i suoi boati durante la scalata, e poi rimanere a bocca aperta dalle sue fontane di lava, e senza dubbio uno dei spettacoli piu' emozionanti che ci siano al mondo.

L'escursione puo' essere diurna e pomeridiana
• Dal sentiero di San Vincenzo
• Da Ginostra (solo per escursionisti allenati)
• Da punta “Labronzo”

Escursioni in gruppo o individuali.
L’ orario di partenza delle escursioni varia a seconda della stagione.

Tempo di percorrenza (Sentiero S. Vincenzo)
• salita (2 ore e 30, previste delle soste ogni 30-40 minuti)
• prima del tramonto si arriva in cima per ammirrare le esplosioni dai crateri.
• si transita nelle zone sommitali circa un’ ora, salvo imprevisti, comunicazioni urgenti e condizioni meteo avverse.
• si rientra alla base dopo circa un’ ora e mezza di discesa.

note: in caso di difficolta’ fisiche o respiratorie entro la quota 400 m si puo’abbandonare il gruppo e tornare indietro da soli, dallo stesso sentiero di salita. (non e’ previsto il rimborso del biglietto)

Attrezzatura di base (l’ occorrente puo’ essere noleggiato)
• scarpe da trekking
• una torcia elettrica per persona con batterie di ricambio
• magliette di cotone di ricambio
• pullover
• giacca a vento
• fazzoletto antipolvere
• acqua almeno un litro e mezzo a testa
• pic nic a scelta ( frutta panini biscotti ecc…)

Gruppi
i gruppi sono formati al massimo da 20 persone di eta’ diverse, (bambini, ragazzi, adulti, anziani) e di nazionalita’ diverse. (le nostre guide parlano italiano, inglese e francese)
si sconsiglia l’ escursione a chi soffre di:
• disturbi cardiaci o fisici in generale
• asma
• vertigini
• diabete

si consiglia, se possibile, non utilizzare lenti a contatto a causa dell’ eccessiva polvere.

Related Stories

Stromboli

"Iddu"

Feel its boating while climbing, and then stay open with its lava fountains, and undoubtedly one of the most exciting shows in the world. The excursion can be day and afternoon • From the path of St. Vincent • From Ginostra (only for trained hikers) • From "Labronzo" point Group or individual excursions. The departure time of the excursions varies according to the season. Travel time (Sentiero S. Vincenzo) • uphill (2 hours 30, stops every 30-40 minutes) • before sunset you get to the top to admire the explosions from the craters. • you will pass in the summit areas about an hour, except for unexpected, urgent communications and adverse weather conditions. • you return to the base after about an hour and a half of descent. Notes: In the event of physical or respiratory difficulties within 400 m, you can leave the group and go back alone, from the same climbing path. (Ticket reimbursement is not required) Basic equipment (the owner can be rented) • trekking shoes • one flashlight per person with replacement batteries • Replacement cotton t-shirts • pullover • wind jacket • dustproof handkerchief • water at least one liter and one half a head • Picnic at your choice (fruit sandwiches cookies etc...) Groups Groups are composed of up to 20 people of different age groups (children, young people, adults, older people) and different nationalities. (Our guides speak Italian, English and French) The excursion to those suffering from: • heart or physical disorder in general • Asthma • dizziness • diabetes It is recommended that, if possible, do not use contact lenses due to excessive dust.

Related Stories

La salita potrà essere effettuata anche dal versante di Ginostra, La salita si presenta, molto piu' selvaggia ma una bellezza incomparabile.

Stromboli

"Iddu"

Stromboli is one of the most active volcanoes in the world !! A real show of nature. Feel its boating while climbing, and then stay open with its lava fountains, and undoubtedly one of the most exciting shows in the world. The excursion can be day and afternoon • From San Vincenzo • From Ginostra (only for hikers trained) • From "Labronzo" tip to group or individual excursions. The departure time of the excursions varies according to the season. Walking time (Sentiero S. Vincenzo) • uphill (2 hours 30, stops every 30-40 minutes) • before sunset you get to the top to admire the explosions from the craters. • you will pass in the summit areas about an hour, except for unexpected, urgent communications and adverse weather conditions. • you return to the base after about an hour and a half of descent. Notes: In the event of physical or respiratory difficulties within 400 m, you can leave the group and go back alone, from the same climbing path. (No ticket reimbursement is required) Basic equipment (can be hired) • Hiking shoes • One flashlight per person with spare batteries • Replacement cotton t-shirts • Pullovers • Wind jacket • Handkerchief Dusty • water at least one liter and half a head • picnic choice (fruit sandwiches cookies etc.) Groups of groups are composed of up to 20 people of different age (children, teenagers, adults, elderly) and nationality different. (Our guides speak Italian, English and French) do not recommend hiking to those who suffer from: • heart or physical disorder in general • asthma • dizziness • diabetes is recommended if you can not use contact lenses because of excessive dust

Related Stories

La salita potrà essere effettuata anche dal versante di Ginostra, La salita si presenta, molto piu' selvaggia ma una bellezza incomparabile.

Tramonto Etna

"Emoziante Escursione al tramonto da 3000 metri"

Il tramonto è, senza dubbio alcuno, uno dei momenti più magici della giornata. I suoi colori caldi e mutevoli offrono uno spettacolo di una bellezza impareggiabile, ammirare il sole tramontare e nascondersi dietro uno dei vulcani più famosi e affascinanti del mondo, l'Etna.
Godrai del tramonto da una zona unica al mondo.. Da Pizzi Deneri - Osservatorio Vulcanologico, ed in caso di attività eruttiva vi conduremo nei luoghi migliori da cui poter osservare questo spettacolare fenomeno naturale.

Piano Provenzana - Etna nord

6 ore

Piano Provenzana

Crateri Sommitali - Etna (3329 m.)

Rete infrasonica Live Università di Firenze

Infrasonic Network

IL TREMORE VULCANICO

EMNR


EMFS


ECBD

ECNE

  • 1
  • 2